Les Paul Deluxe Reissue

Les Paul Deluxe Reissue

Una replica importante

Se c'è una chitarra elettrica che tra gli appassionati rappresenta una specie di cosa mistica, quella è la Les Paul Deluxe. Ovviamente anche la mitica azienda americana, come ormai tutti i produttori, non si tira indietro e propone la replica di un modello che ha fatto del suono brillante una chiara ragione di identificazione che ne ha decretato un successo di notevole portata.

Caratteristiche tecniche

La linea, molto bella ed elegante, richiama alle versioni originali degli anni 50. Il corpo in mogano, come tradizione, è in un unico pezzo e presenta una tavola superiore in acero. Anche il manico è realizzato in un unico pezzo nello stesso legno del corpo, vale a dire l'onnipresente mogano. La tastiera in palissandro monta 22 tasti Medium Jumbo applicati con attenzione, anche se non sembrano perfettamente lucidati come è lecito aspettarsi su un prodotto di questo livello.
Non esaltante la verniciatura alla nitrocellulosa. La sensazione al tatto, piuttosto fastidiosa, sa un po' di plastica. Sinceramente una cosa bruttina anche alla vista. I due humbucker, esattamente come sull'originale, poggiano su una mascherina bloccata con delle viti che permettono la regolazione in altezza di tutto il blocco. I 4 potenziometri, come la forma del corpo, richiamano molto agli anni 50. Le meccaniche in stile kluson sono molto belle esteticamente, piuttosto accattivanti, ma non risultano precisissime.

È perfetta per il Blues

Il suono prodotto da questa replica sembra un po' sottile rispetto agli standard della casa americana. Intendiamoci, non dico che è brutto, ma non è il classico Gibson al 100%. Bello il timbro molto caldo generato dal pickup al manico. Perfetto per il Blues e con un attacco molto deciso. Quello al ponte, invece, è un po' asciutto e corposo, piuttosto brillante, ma mai acido. Molto piacevole all'ascolto e decisamente personale.
Saturando un po' notiamo gli acuti sempre molto presenti e le frequenze medie che risultano colorate e pastose, con i bassi sempre asciutti e compatti. Insomma, suona bene, senza dubbio. Magari è un po' atipica nel panorama del costruttore americano, per certi versi. Ma il timbro è validissimo e versatile.

Considerazioni finali

A parte la verniciatura, almeno nel modello in prova, a mio parere molto brutta e qualche sbavatura di troppo nelle rifiniture, la Deluxe è molto valida.
Nell'insieme, riuscita.

Altre recensioni

Chitarre

Effetti

Amplificatori chitarra

Registratori digitali Multitraccia

Registratori Portatili