Classic '60s

Classic '60s

Messicana ma valida

Storicamente parlando, ogni volta che si parla di una Fender, la prima domanda che viene da fare è: ma è americana? Sappiamo tutti infatti che in genere le americane sono da preferire, ma i tempi cambiano. Negli ultimi anni l'azienda americana ha investito molto in Messico, realizzando impianti moderni capaci di tirar fuori produzioni di tutto rispetto. Niente a che vedere con le "vecchie" messicane, sempre un passo indietro in quanto a rifiniture e qualità dei legni, e con elettroniche di scarsissima qualità.
Allo stesso tempo, però, è difficile convincere il mercato che le cose sono cambiate dal punto di vista qualitativo. Il risultato è che le "messicane" oggi sono ottimi strumenti e con un rapporto qualità/prezzo molto valido. Una bella occasione, quindi, per fare un affare. E l'oggetto della nostra recensione, a parere di chi scrive, è un affare.
Con circa 800 euro, tra l'altro prezzo di listino, ovviamente da scontare, si porta a casa un'ottimo prodotto. Ben fatto, ben rifinito, anche se con un assemblaggio dei componenti non perfetto e con una elettronica che certo non può essere quella di una Custom Shop, ma che è assolutamente all'altezza della situazione, e soprattutto un ottimo suono, soprattutto il pulito.

Ha tutti gli standard del caso

Giusto per capire che parliamo di una vera Strato, e non di una semplice imitazione, il corpo è nel solito ontano, un vero e proprio marchio di fabbrica noto a tutti gli appassionati. Il manico, molto comodo e scorrevole, in acero, monta una tastiera in palissandro con 21 tasti, ben rifiniti e montati senza sbavature.
I tre single-coil, quello al ponte montato in posizione trasversale, sono dotati di magneti Alnico e possiedono delle coperture old style, giusto per dare un tocco Vintage. Il selettore è a 5 posizioni. Il battipenna è a 3 strati.

Controlli

3, uno per il volume e due per il tono. Le manopole hanno un aspetto un po' economico ed in effetti smanettando un po' non danno una grande sensazione. Va beh! Diamo un'occhiata alle posizioni del selettore.
Posizione 1: Pickup al ponte
2: Ponte e centrale
3: Centrale
4: Centrale e al manico
5: Al manico

Ponte e hardware

Il tremolo sincronizzato non è dei migliori, ma insomma, dobbiamo anche saperci accontentare, visto il prezzo, tutt'altro che elevato. L'hardware, ne parleremo dopo, può essere sempre migliorato. Comunque il ponte risulta stabile e capace di tenere bene l'intonazione. Certo se si esagera un po' con la leva arrivano i primi problemini, ma nell'insieme è accettabile. Le meccaniche sono Fender/Ping.

Nei puliti da il massimo

A mio parere, è bene precisarlo, il mondo della '60s è quello dei suoni puliti, o al massimo con una leggera distorsione o un buon Crunch. Il pickup al ponte è piuttosto deboluccio e un po' plasticoso. Niente di sensazionale. Nei puliti, invece, si difende bene, in particolare selezionando il centrale, a mio parere il migliore del set, e riesce a produrre un timbro molto equilibrato e anche piacevole.
La mia personalissima opinione è che lo strumento in questione è perfetto per il Jazz, ma anche il Country e il Blues, se si vuole. Magari in quest'ultimo caso un bel pedale potrebbe risolvere la relativa debolezza del pickup al ponte ed anche quella sensazione di "plasticoso" che, lo ripetiamo, esiste.

Promossa con un 8

Come abbiamo detto, un ottima resa sonora, anche se non flessibilissima, e legni di qualità. L'assemblaggio generale non è il massimo. L'hardware, parliamo del ponte, delle manopole dei controlli e anche delle chiavette, non è il top, ma è tutto materiale che si può sostituire con qualcosa di più valido, ma intendiamoci, non voglio dire che è roba scadente. No.
Nell'insieme la Classic '60s è la dimostrazione più evidente che una buona Stratocaster, se non cercate una professionista delle distorsioni, si può realizzare anche fuori dagli Stati Uniti.
Come ho precisato all'inizio di questa recensione, ottimo il rapporto qualità/prezzo. A mio parere, un buon affare.

Altre recensioni

Chitarre

Effetti

Amplificatori chitarra

Registratori digitali Multitraccia

Registratori Portatili