Home Amplificatori Fender Vintage Modified

Amplificatore Fender Vintage Modified Deluxe VM : Recensione

Fender deluxe VM Pedale

La nuova serie Vintage Modified di Fender nasce dall'esigenza di dare ai chitarristi appassionati della casa americana una versione più portatile e compatta dei notissimi Hot Rod Deluxe e Deluxe Reverb. La soluzione Combo con cono da 12 è stata la scelta, condivisibile, a mio parere, considerando la compattezza permessa da un unico cono da 12" e la ricchezza timbrica che uno speaker di questo genere può realizzare. A questo si è poi aggiunto un multi effetto digitale di ultima generazione, dotato degli effetti base necessari al chitarrista. A partire ovviamente da riverbero, chorus e delay. Una scelta che certo, fa storcere il naso ai puristi del suono e agli appassionati dei soliti pedalini Boss o dei bellissimi riverberi Lexicon, me compreso. Bisogna però fare subito una precisazione. Nasce con l'idea, come detto precedentemente, di dare al chitarrista uno strumento compatto, trasportabile e dotato di tutto quello che serve per inserire il jack della chitarra e cominciare a suonare. Da questo punto di vista ottiene il risultato voluto. Chiaramente, in una situazione più comoda, tipo in studio o live in un contesto più professionale che una suonata con gli amici, io preferisco il classico setup con gli effetti inseriti nel loop, di cui è dotato con tanto di send & return. De gustibus, dicevano i nostri antichi! Le 4 valvole ( 2 12AX7 e 2 6L6) di cui è dotato, gli conferiscono flessibilità e un ottimo suono, che può spaziare da timbriche pulite stile Blackface (per cui gli amplificatori Fender sono famosissimi), a suoni distorti gestibili con facilità, grazie ai tanti controlli presenti, tra cui un bel Gain post-EQ.

Caratteristiche generali

Fender Deluxe VM vista posteriore 2 12AX7, una per pre distortion e l'altra per l'inversione di fase, fanno il loro dovere. Le 2 finali (6L6) caricano bene il suono in uscita dall'ottimo cono Celestion G12P80. Ottimo il pulito, nella migliore tradizione Fender, con un bel controllo pre-gain. Buoni i distorti che, grazie anche al post-gain EQ, possono variare dal Blues al Rock con una certa facilità.

DSP

E' dotato di un DSP onboard. Gli effetti disponibili sono quelli necessari al setup minimale. Un riverbero. Il chorus/vibrato con controlli per frequenza, profondità e mixaggio e un delay con la possibilità di controllare il delay time e il numero di ripetizioni. Hmmmmm. Va beh, come già detto, per una suonata veloce va bene, ma in altre situazioni no grazie, preferisco i miei pedalini e il mio Lexicon che amo più della mia ragazza. Non potrei mai rinunciarci.

Equalizzatore

E' dotato di una buona sezione equalizzatrice, con controlli che rispondono a dovere e permettono di passare, con una relativa facilità, da puliti, chiari e cristallini, a distorti aggressivi e ben pompati. Certo, la "classe" della sezione EQ Marshall, a mio parere, è lontana, ma giocando un pò sui controlli si ottiene il suono desiderato.

Pedale di controllo

Ha in dotazione un pedale con quattro pulsanti a pressione per il controllo on/off di drive, riverbero, delay e chorus.

Introduzione sul mercato

E' stato introdotto sul mercato nel mese di Gennaio 2009, in occasione del NAMM 2009, assieme ad altri 2 modelli della serie Vintage Modified, il Band-Master VM e il Band-Master VM 212 enclosure.

Conclusioni

L'obbiettivo di Fender era di dare al chitarrista che necessita di un setup veloce, trasportabile e compatto, la classe dei Deluxe classici, a partire dalla serie Red Hot, il suono Vintage degli ampli valvolari e una serie di effetti per pluggare e suonare. Il risultato, diciamolo subito, è stato ottenuto. Ovviamente valgono le considerazioni fatte all'inizio della nostra recensione. Per una situazione veloce il DSP onboard si dimostra pratico e comodo, ma in una situazione "studio" o live più professionale, il numero di effetti disponibile e i controlli base risultano piuttosto limitativi e insufficienti. Ottimo il suono. La timbrica è di qualità. Le 4 valvole si fanno sentire e i tanti controlli disponibili, sia sul gain (pre e post) che nella sezione equalizzazione, permettono un'ottima flessibilità, lo ripetiamo, anche grazie al buon Celestion G12P80, di ottima qualità. Il prezzo di 940 euro, considerando lo sconto che qualsiasi commerciante non può che apportare, ci sembra ben proporzionato alla qualità costruttiva, di buon livello, e alla qualità generale del Fender Deluxe VM. A voi la scelta!
ciao.

Altre recensioni

Amplificatori chitarra

  • Fender
    Blues Junior

    Ho amato il Blues Junior a prima vista. Bello. Quando Fender fa veramente un buon lavoro è insuperabile. Un suono caldo e grasso che conquista. Perfetto per esercitarsi.

  • Marshall
    2203

    Un canale e nessun effetto, ma un suono favoloso per questa replica di un ampli leggendario di Marshall. Ovviamente, è stato progettato per la distorsione, quindi esprime le sue qualità al volume massimo.

  • Fender
    '65 Twin Reverb

    Il Vibrato funziona soltanto se la pedaliera (facoltativa) è inserita.

Effetti

Chitarre

Registratori digitali Multitraccia

Registratori Portatili